sabato 11 gennaio 2014

Galateo o fetta di salame con le mani?

Ristorante elegante con musica in sottofondo, tovaglie in tessuti pregiati e cameriere che prontamente riempie il bicchiere o tipica trattoria di paese con tovaglie in cotone (magari con il buchino), piatti e bicchieri spaiati e il proprietario che serve con il grembiule?
Scelgo sicuramente, la seconda!
Sulle colline piacentine o pavesi (come in tutta Italia) ce ne sono moltissime di queste trattorie "familiari". Colpisce il buon profumo di sughetti e brasati appena si apre la porta per farvi ingresso e ci si sente subito a casa! Come dicevo, apparecchiato "un po' così", senza molta cura per i dettagli e, il proprietario che ti riceve con un sorriso e un saluto con cadenza dialettale e un grembiule addosso.
La libertà di poter ridere e scherzare animatamente con gli amici alla nostra tavola, mangiare la fetta di salame nostrano direttamente con le mani, riempire il bicchiere fino al bordo e lasciare il tovagliolo stropicciato sul tavolo.
La libertà di essere naturali.
Ciò non toglie che, in determinate occasioni e luoghi, bisogna conoscere e rispettare un minimo di "buone maniere (o galateo)" per evitare di vedere, nei posti tavola, posate buttate in malo modo che sembra di essere a una gara di lancio col giavellotto.
Nei ristoranti "eleganti", le posate non servono solo per accompagnare il cibo alla bocca ma, a seconda di come sono posizionate, hanno un loro alfabeto che silenziosamente viene trasmesso a chi serve a tavola.
Poche regole, semplici da ricordare, che è bene sapere per evitare di essere in un ristorante chic, che ci vede vestiti eleganti per l'occasione, per poi sfigurare in questi piccoli ma importanti dettagli.

Per rendere più facile ricordare come posizionare correttamente le posate, si usa il metodo dell'orologio:
se durante il pasto ci fermiamo per parlare, bere o altro, le posate vanno lasciate sul piatto alle ore 19,25.
Si posizionano obliquamente con le punte della forchetta e del coltello che si incrociano (oppure vicine). I rebbi della forchetta all'ingiù e la lama del coltello verso la forchetta.


Se non si desidera mangiare altro o al termine di ogni portata, forchetta e coltello si posano parallele al piatto: in Europa e Inghilterra alle ore 18,30 e negli Stati Uniti alle ore 16,20.
La forchetta sulla sinistra con i rebbi in su e il coltello sulla destra con la lama verso la forchetta.
Sono comunque perfette tutte e due le forme


E' assolutamente scorretto appoggiare le posate a formare una X, appoggiarle sul tavolo o comunque fuori dal piatto o sul tovagliolo, mai posizionarle come "i remi in barca": una a sinistra e una a destra con le punte appoggiate sul bordo del piatto e i manici sulla tovaglia.



Eventuali lische di pesce, ossicini o nocciolini di olive ecc. che abbiamo in bocca, non si tolgono con le mani ma si fanno scivolare sulla forchetta e con questa si appoggiano su un lato del piatto.
Mai servirsi dal piatto di portata con la propria forchetta ma utilizzare le apposite posate.




6 commenti:

  1. Purtroppo capita pure di lasciare correttamente le posate sul piatto e alla portata successiva ti ritrovi senza posate e quando finalmente si decidono a portartele la tua pietanza è diventata completamente fredda. Ormai ho imparato che, se in tavola non c'è un buon numero di posate attorno al piatto, forchetta e coltello me li tengo, poco elegantemente, sopra la tovaglia! Naturalmente questo succede nei locali poco 'chic'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ahahahah verissimo Andrea. Addirittura mi sono capitati camerieri che con un gesto della testa mi facevano segno di togliere le posate dal piatto perché me le dovevo tenere fino a fine pasto.
      Giustamente, se si va nella trattoria "ruspante" non può pensare di fare i raffinati... e viceversa!
      Cari saluti.

      Elimina
  2. Va bene il galateo ma a tutto c'è un limite....evviva mangiare il salame con le mani :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva si! Vuoi mettere il gusto e la libertà di movimenti senza stressarsi con "l'orologio"???
      Buona domenica.

      Elimina
  3. Una bella rinfrescata di galateo ci voleva proprio..anche se ti confesso che io sono una di quelle che mangia la fetta di salame con le mani :-P
    Buona domenica cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero zia Consu, come dicevo nel post anch'io preferisco alla grande le trattorie "alla buona" e il salame (e non solo) con le mani...
      Però, capita, di non poterlo fare e allora viene utile sapere come comportarsi.
      Un bacio.

      Elimina

Vi ringrazio di aver visitato Briciole di sapori e spero verrete ancora a trovarmi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...