Translate

martedì 20 agosto 2013

Polipo con patate in insalata

Un piatto gustoso, gradito in tutte le stagioni e in tutte le occasioni.  Ottimo da consumare durante un pranzo estivo con vista mare ma anche da presentare nel menù di Natale.

polipo



Per 4 persone:
- polipo da 1 kg e mezzo
- 4 o 5 patate di media grandezza
- 4 spicchi di aglio
- prezzemolo
- 1 limone
- olio e.v.o.
- 1 cucchiaio di aceto
- sale e pepe

Riempire una capiente pentola di acqua fredda, immergere il polipo e aggiungere un cucchiaio di aceto e un cucchiaino di sale grosso. Dal momento che bolle l'acqua, fare cuocere con il coperchio per 45 minuti a fuoco medio.
In una pentola a parte fare lessare le patate dopodiché spelarle e tagliarle a tocchetti. Alternativa più gustosa: non buttare l'acqua di cottura del polipo ma lasciarla raffreddare quindi farvi lessare le patate.
Una volta cotto il polipo, cercare di togliere la pellicina rossastra che lo ricopre, sotto l'acqua corrente tiepida.


Fatto questo, tagliarlo (più o meno sottile, secondo i gusti) e metterlo in una capiente insalatiera, aggiungere le patate a tocchetti, gli spicchi di aglio, il succo del limone spremuto, sale e pepe, condire con olio extra vergine di oliva e, infine, un trito di prezzemolo.

Consiglio: qualora decidiate di non lessare le patate nell'acqua di cottura del polipo, non buttatela via.
In sacchettini per freezer fate delle mini porzioni e congelatele. Verranno utili quando andrete a cucinare piatti a base di pesce.

Un buon olio extra vergine di oliva, contribuisce sempre alla riuscita di un piatto. Personalmente, mi trovo molto bene con un olio toscano, prodotto dall'Azienda agricola Talente.


6 commenti:

  1. A casa mia il polipo non piace, ma a me sì! Chissà se ne farò mai uno solo per me?

    RispondiElimina
  2. Buono lo voglio provare questo piatto ciaooo

    RispondiElimina
  3. Perché togliere la pelle al Polpo? è la parte migliore se ben cotto a bassa temperatura resta gustosa e compatta.
    Perché non sfruttare l'acqua dove s'è bollito il polpo per, una volta raffreddata, bollirvi le patate? le arricchiremmo di gusto, il, diciamo, brodo del polpo è ottimo. I polparoli partenopei la vendono ed hanno molti affezionati consumatori, che affermano che faccia un gran bene. Il polpo si può anche bollire in acqua bollente, facendogli fare tre o quattro tuffi che l'arricciano, si prosegue poi a bassa temperatura per quel che ho detto sopra. Scusa se ho invaso la tua bacheca ma il polpo mi piace molto cucinarlo ed anche mangiarlo, pure crudo arrizzato come lo facciamo a Bari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mimmo, hai fatto benissimo ad "invadere" la mia bacheca. Ogni consiglio o novità, qui, sono ben accette. Anzi, richieste!
      Alle seppie la pelle la lavo benissimo ma non la tolgo mai mentre al polipo l'ho sempre tolta perchè mi dà l'idea di essere "molliccia".
      Per quanto riguarda il bollire le patate nell'acqua del polipo è giustissimo, ma questo significa preparare il piatto in due tempi e io (quando lo preparo per me) preferisco consumarlo tiepido.
      Comunque tengo assolutamente presente il consiglio della cottura delle patate nell'acqua di cottura del polipo, anzi, lo scrivo subito nel post.
      Prezioso Mimmo, un ringraziamento e un saluto.

      Elimina
  4. ma i tentacoli non vanno immersi e tolti prima per arricciarli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera, sinceramente non l'ho mai fatto. Perché arricciarli?

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...