venerdì 23 maggio 2014

Involtini di filetti di triglia, lardo d'Arnad e asparagi

Care amiche, in questi giorni sono stata quasi assente sul blog perché stiamo facendo dei lavori in casa e il tempo da dedicarvi è veramente poco.
Purtroppo io è mio marito siamo dei "precisini" e preferiamo farci i lavori da soli per evitare arrabbiature. Questa volta siamo alle prese con la costruzione di un patio in legno e devo dire che sta venendo veramente bene.
Il problema è che mio marito non capisce che la mia forza fisica è limitata e si lamenta quando gli dico che non riesco ad alzare le travi in legno (e lo faccio arrabbiare quando gli rispondo che la mia forza è nella testa e non nelle braccia...).
Anche il tempo, e la voglia, da dedicare alla cucina è poco. Alla sera siamo talmente stanchi che al massimo riesco a fare una pasta in bianco, un riso veloce o un'insalatona.
Oggi però ho voluto mettere in tavola "qualcosa di buono" da gustare con più calma lasciando da parte la fretta di fare e finire...
Un secondo piatto dal gusto delicato ma gustoso che a noi è piaciuto. 

 



Per 6 involtini:
- 6 filetti di triglia (o altro pesce a piacimento)
- 6 fette di lardo d'Arnad (ben affettate e abbastanza lunghe)
- 500 gr di asparagi
- vino bianco secco
- sale
- olio e.v.o.
 
Lavare ed eliminare la parte dura degli asparagi quindi lessarli in acqua salata per non più di dieci minuti (i miei erano abbastanza piccoli e sono bastati cinque minuti).
Una volta lessati, scolarli e lasciargli perdere tutta l'acqua.

 
Nel frattempo stendere su un tagliere le fette di lardo d'Arnad, adagiarvi sopra i filetti di triglia e sopra ancora uno e due asparagi tagliati (a seconda delle dimensioni del filetto).
Lasciare una parte di lardo libera per la perfetta chiusura dell'involtino. 


Arrotolare e chiudere con uno stuzzicadenti.
In una larga padella fare scaldare poco olio extra vergine di oliva quindi aggiungere gli involtini e spruzzare con poco vino bianco.
Lasciare evaporare dopodichè aggiungere gli asparagi avanzati, salare leggermente e fare cuocere per una decina di minuti a fuoco medio con il coperchio scostato, rigirando spesso gli involtini.  
 

Per renderli più saporiti, quasi a fine cottura togliere il coperchio e alzare appena la fiamma per fare dorare il lardo.
Servire ben caldi. 
 
Questa mia ricetta è stata pubblicata sul numero di maggio 2015 della Rivista GUSTO SANO
 


4 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie Ale, dopo giorni di pasta in bianco e poco altro, ci sono sembrati poi ancora più buoni!
      Ti auguro un buon fine settimana, Lorena

      Elimina
  2. Sono davvero stuzzicanti!! E fanno tornare la voglia di mare!!
    Un abbraccio
    Annalisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa, la voglia di mare io ce l'ho anche con la polenta!... Ahaha ahahahaha
      Però, effettivamente, questo piatto mangiato su una bella terrazza vista mare...
      Buon w. e., Lorena

      Elimina

Vi ringrazio di aver visitato Briciole di sapori e spero verrete ancora a trovarmi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...