Translate

domenica 29 marzo 2015

Risotto alle viole... La delicatezza della primavera nel gusto e nei colori

Buongiorno amiche, da qualche anno avevo in mente di fare questa ricetta ma solo ora, finalmente, ci sono riuscita.
Bisogna curare il periodo giusto, il clima giusto, il posto giusto se non addirittura il giorno giusto per raccogliere queste delicatissime violette e, una volta raccolte, cucinate entro il giorno dopo.
Ovviamente devono crescere in un posto non inquinato, senza strade nelle vicinanze e non devono crescere dove magari i campi vengono disinfestati.
Lo scorso anno avevo trovato in campagna un posticino ideale, le avevo viste ma erano ancora dei boccioli. Ho aspettato due giorni di sole ma, quando sono arrivata sul posto, il contadino stava tagliando tutta l'erba e quindi anche le mie violette.
Quest'anno mi sono organizzata per tempo e la mia amica Cherì, che ha un grande parco, mi ha detto che sotto alla sua magnolia le violette stavano crescendo in gran quantità.
Ieri sono andata da lei con un barattolo dove ho messo dentro le violette appena raccolte e l'ho riempito di acqua.
Questa mattina erano ancora bellissime e, finalmente, ecco il mio risotto.
Vi chiedete che gusto può avere? Certo, un risotto ai funghi o salsiccia e fagioli è molto più saporito e forse incontra i gusti di più persone, questo ha un gusto molto delicato con il piacevole e leggero sapore proprio di violetta che non disturba affatto... Anzi!
 
risott con le viole

risotto alle viole




Per 4 persone:
- per la quantità di riso regolarsi in base alle proprie abitudini
  (io ne ho utilizzato 400 gr)
- circa 50/60 violette
- 1 lt circa di brodo vegetale
- 200 ml di vino Prosecco (circa un bicchiere)
- 50 gr di burro
- sale e pepe
- 1 scalogno
- 2 cucchiai di panna

Mettere a bagno le violette in acqua fredda, smuoverle delicatamente con le mani quindi appoggiarle su carta assorbente e staccare tutti i gambi (tenerne qualcuna intera per le decorazioni).
 
 
Scaldare il brodo e tenerlo poi a fuoco basso.
In una casseruola fare sciogliere un pezzo di burro e farvi ammorbidire lo scalogno finemente tritato.
Aggiungere il riso e farlo tostare quindi sfumare con mezzo bicchiere di vino Prosecco e lasciare evaporare.
Ora versare un mestolo di brodo. Quando il riso lo avrà quasi completamente assorbito, aggiungerne un altro e proseguire così. Aggiungere anche il rimanente vino.
Regolare di sale.
A cottura ultimata (il chicco di riso deve rimanere leggermente al dente), spegnere il fuoco e aggiungere il rimanente burro, la panna, una macinata di pepe e le violette.


Mescolare velocemente, delicatamente e lasciare riposare 2 minuti.
Servire nei piatti e decorare con le violette tenute a parte.

Consiglio: il risotto va mescolato il meno possibile per evitare la rottura dei chicchi di riso e va utilizzato un cucchiaio di legno, meglio se con il buco in mezzo.
 

14 commenti:

  1. Maddai......che bellissima idea!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Ale? E ci sono anche altre ricette con le viole! Le farò nei prossimi anni.
      Ciao, Lorena

      Elimina
  2. Sai che non sapevo che fossero commestibili??? Sarei proprio curiosa di assaggiarlo questo risotto..ha un aspetto divino :-)
    Bravissima Lore e felice serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consu ciao, ci sono anche le liquirizie alle viole... Si, sono commestibili. Un abbraccio e buona settimana, Lorena

      Elimina
  3. CHE BELLO QUESTO RISOTTO COSI' COLORATO!!!!MAI PROVATO PRIMA!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina, anche a me piacciono molto questi colori e, devo dire, mi è piaciuto anche il sapore.
      Buona settimana. Lorena

      Elimina
  4. Questo piatto è una poesia di primavera. Molto bello e romantico e anche se delicato deve essere davvero buono. Secondo me un piatto che può essere servito in un banchetto di matrimonio.
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bella idea Laura! Effettivamente ci starebbe proprio bene un piatto tanto romantico al pranzo di matrimonio...
      Grazie per essere passata dal mio blog e ti aspetto ancora. Buona giornata da Lorena

      Elimina
  5. La frutta si usata, fiori si quelli di sambuco fritti dolci (ricetta di nonna ungherese), altri fiori no ma questo lo voglio provare da risottara. Buona Pasqua a te e famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige, io sto aspettando il Sambuco... Se pensi di fare questo risotto ti devi sbrigare altrimenti le violette non le trovi più.
      Abbracci e auguri, Lorena

      Elimina
  6. Ciao Lorena,
    è da tempo che penso ci iniziare anch'io a cucinare con i fiori, ma per mancanza di tempo non mi sono ancora documentata e non ho ancora prodotto nulla.
    Non vedo l'ora però! Farò sicuramente tesoro di questo bellissimo piatto.
    Grazie di essere passata da me e tanti auguri ancora di buona Pasqua a te e alla tua famiglia.
    Ciao, a presto
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre in lotta con il tempo... Non è mai abbastanza per tutto quello che vorremmo fare!
      Un abbraccio, Lorena

      Elimina
  7. you have a lovely blog! :)

    http://www.itsmetijana.blogspot.com/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...