Nidi di Parmigiano Reggiano con uova di quaglia, misticanza e Aceto balsamico tradizionale di Modena D.O.P.

Oggi, sul mio blog, ospito la primavera...
Devo dire che questa ricetta mi piace particolarmente; oltre ad essere molto buona, così presentata la  trovo romantica, delicata e fresca.
Molto indicata per uno scenografico antipasto da servire al pranzo di Pasqua e, non di poco conto, pratica in quanto i nidi di Parmigiano Reggiano si possono preparare il giorno prima per poi essere riempiti al momento di essere consumati.
Buona visione...

ricette di pasqua

cestini di parmigiano reggiano con uova di quaglia misticanza e aceto balsamico

ricette con uova di quaglia

ricette con aceto balsamico

Preparazione facile
Per 4 persone:
- 120 gr di Parmigiano Reggiano grattugiato
- 10 uova di quaglia
- una manciata di misticanza (insalatina mista)
- sale e pepe

- come decorazione usare qualche fiore commestibile (alcuni negozi li vendono in vaschette)

Per preparare i nidi procedere nel seguente modo:
prima di tutto preparare vicino al fornello un tagliere con sopra quattro piccole ciotole girate al contrario.
Scaldare un pentolino antiaderente del diametro di 16 cm., senza alcun condimento, dopodiché aggiungere 30 gr di Parmigiano Reggiano (sono circa 2 cucchiai) e stenderlo bene sul fondo smuovendo il pentolino.
Attenzione perché questa è la fase più delicata:
cuocere a fuoco medio per circa 5 minuti o fino a quando il formaggio risulterà dorato e sufficientemente compatto da poterlo girare aiutandosi con due palettine.
Cuocere ancora un minuto massimo, facendo attenzione a non fare seccare troppo il formaggio, quindi con molta delicatezza ma rapidamente posizionare il disco di Parmigiano Reggiano sulla ciotola in modo che prenda la sua forma.

come fare le cialde di parmigiano

Con un poco di carta da cucina togliere dal pentolino l'unto e ricominciare con la preparazione degli altri nidi.
Bisogna stare un attimo attenti al momento delicato della doratura in quanto velocemente il disco di Parmigiano diventa secco e rigido e quindi inutilizzabile oppure si brucia.
Una volta messi in forma i nidi di Parmigiano Reggiano, lasciarli così per almeno 30 minuti.
Nel frattempo lessare le uova di quaglia in acqua bollente per circa  3 o 4 minuti. Io consiglio di sgusciarle mentre sono ancora calde altrimenti diventa più difficoltoso.
Lavare l'insalata e risciacquare delicatamente i fiori.
Comporre i nidi di Parmigiano Reggiano sistemando all'interno, in modo armonico, le uova di quaglia tagliate a metà, qualche foglia di misticanza con colori diversi e qualche fiore.
Salare leggermente, dare una leggera macinata di pepe e irrorare con aceto balsamico tradizionale di Modena.

Ringrazio Acetaia del Cristo che mi ha coinvolto in un progetto per la creazione di piatti fra “Tradizione e Innovazione".
Per la realizzazione di questa ricetta ho utilizzato un pregiato Aceto extravecchio Ginepro. Invecchiato oltre 25 anni prevalentemente in piccole botti di ginepro che conferiscono al prodotto note resinose e speziate.


8 commenti

  1. ANNA ELISA F.26 marzo 2018 10:55

    Come sempre le tue ricette sono pura poesia. Questa però le supera tutte. Davvero bellissima e romantica, superfigurone per il pranzo pasquale.
    Penso proprio che li farò.
    Grazie. Anna Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Elisa, grazie davvero del bel complimento. Devo essere si cera e dirti che questa ricetta in particolare piace moltissimo anche a me e ti assicuro anche buonissima. Direi che se prepari questi nidi per Pasqua farai davvero bella figura.
      Grazie e buona serata, Lorena

      Elimina
  2. Una vera esplosione primaverile questa ricetta. Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, finalmente dopo in lungo inverno... Buona serata.
      Lorena

      Elimina
  3. Una presentazione davvero meravigliosa che profuma di primavera :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Consu, sempre gentilissima.
      Lorena

      Elimina
  4. Un antipasto elegante e raffinato nella sua semplicità. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gufetta, si con pochi ingredienti ma buoni si può fare tanto.
      Felice serata. Lorena

      Elimina

Professional Blog Designs by pipdig