Translate

venerdì 8 marzo 2013

Penne al pesto (fresco) di pistacchi di Bronte

Come ho scritto l'altro giorno, la mia cara amica mi ha portato direttamente dalla Sicilia i pistacchi e quindi sto preparando vari piatti con questi ottimi frutti. 
Se volete preparare il pesto senza consumarlo subito, potete tritare i pistacchi/pinoli/sale e mettere in un vasetto avendo cura di coprire bene la superficie con olio extra vergine di oliva e riporre in frigorifero per qualche giorno.
Se avete a casa il mortaio e vi piace usarlo invece del mixer, mettete nel mortaio i pistacchi, i pinoli, il sale (grosso), un poco di formaggio grattugiato e l'olio extra vergine di oliva fino ad ottenere un composto omogeneo. Per mancanza di tempo io ho utilizzato il meno "romantico" mixer.
 



Per 4 persone:
- per la quantità di pasta regolarsi in base alle proprie abitudini
   (io ho utilizzato 400 gr di penne)
- 200 gr di pistacchi (il peso è da considerarsi per i pistacchi già sgusciati)
- 1o pinoli
- 1 confezione da 125 gr di cubetti di pancetta dolce o prosciutto cotto
- 120 ml di panna
- 1 cipolla piccola
- burro
- sale
- formaggio grattugiato

Sgusciare i pistacchi e togliere la pellicina che li ricopre (un metodo veloce per toglierla è di immergere i pistacchi in acqua bollente qualche minuto finchè si vede che la pellicina si stacca).
Asciugarli con carta da cucina dopodichè metterli nel mixer con la punta di un cucchiaino di sale grosso, i pinoli e triturare bene.
 

In una padella fare un soffritto con una noce di burro e la cipolla, aggiungere poi i cubetti di pancetta dolce o prosciutto cotto e fare dorare leggermente.
Aggiungere il pesto di pistacchi, un mestolo di acqua calda e salare.
Lasciare cuocere per cinque minuti dopodichè aggiungere 120 ml di panna e lasciare sul fuoco ancora pochi minuti. La consistenza deve essere morbida.
Cuocere la pasta e finire gli ultimi minuti di cottura nella padella con il sugo di pistacchi.
Se necessario, aggiungere un goccio di olio extra vergine di oliva a crudo.
Spolverare con formaggio grattugiato.
  

11 commenti:

  1. Ciao!...piacere di conoscerti!...rubo solo qualche secondo per presentarti il mio nuovo contest...ricco premio in palio...un viaggio a Budapest!
    Ti aspetto...se ti va!
    http://squisitocooking.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. Ciao Lorena..eccomi a farti visita, questa ricetta me la segno perchè adoro i pistacchi!! A presto Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segna, segna. Mi fa piacere.
      Alla prossima.

      Elimina
  3. I pistacchi li mangerei in continuazione sia dolci che salati e quindi devo subito assaggiare il tuo pesto!!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao, ti ho scoperta per caso ed ho sbirciato nel tuo angolo goloso! 6 bravissima con i pesti..non mi sono mai cimentata e mi hai fatto venire voglia di provare!
    Grazie
    la zia Consu
    ps:mi sono aggiunta, così non rischio di perderti di vista :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao "zia" sei carinissima. Si, i pesti mi piacciono moltissimo.
      Ho contraccambiato la visita ed anche tu hai un sito molto... dolce.
      Mi sono aggiunta ai tuoi lettori con piacere.
      Alla prossima.

      Elimina
  5. Ciao cara grazie di esserti unita al mio blog da oggi ti seguo anch'io.A presto.

    RispondiElimina
  6. Dimenticavo..passa da me ti ho lasciato una sorpresa!
    :-*
    la zia Consu

    RispondiElimina
  7. Adoro il pesto di pistacchi e lo faccio spesso, come potrai vedere se passi a trovarmi nella cucina del cuoco disperato. Ho scoperto il tuo blog grazie a Consuelo che ci ha nominati, complimenti molto bello! Mi sono unito ai tuoi followers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea, avremo modo di tenerci "d'occhio" adesso.
      Ciao, Lorena

      Elimina
  8. Ti ho appena scoperta, mi piace il tuo blog. Appetitosissimo il tuo pesto con i pistacchi di Bronte! Ciao, a presto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...