Translate

giovedì 28 marzo 2013

Risotto al pannerone e pere

Questo è un piatto tipico della cucina lodigiana, delicato e particolare. Dolce, con una sfumatura di amaro.
 

 
 
Per 4 persone:
- per la quantità di riso regolarsi in base alle proprie abitudini
  (io ne ho utilizzato 350 gr)
- 1 lt di brodo vegetale o di carne
- 250 gr di formaggio pannerone
- 250 gr di pere decane
- vino bianco secco
- 1 cipolla piccola
- burro
- olio e.v.o.
- sale
- pepe

Scaldare il brodo e tenerlo poi a fuoco basso.
In una larga padella scaldare l’olio extra vergine di oliva ed il burro, aggiungere poi la cipolla finemente tritata facendola appassire.
A questo punto aggiungere il riso facendolo tostare. Aggiungere quindi un bicchiere di vino bianco e fare sfumare.
Proseguire la cottura aggiungendo un mestolo di brodo di tanto in tanto.
Mentre il riso cuoce, sbucciare le pere eliminando il torsolo centrale e tagliare la polpa a cubetti.
Tagliare a cubetti anche il formaggio pannerone.
Quando il riso sarà quasi cotto, aggiungere i cubetti di pere e di pannerone.
 
 
Amalgamare il tutto e appena il formaggio si sarà completamente sciolto, servire con una macinata di pepe nero.

Consiglio: il risotto va mescolato il meno possibile per evitare la rottura dei chicchi  e va utilizzato un cucchiaio di legno, meglio se con il buco in mezzo.

ORIGINI DEL FORMAGGIO LODIGIANO PANNERONE
Il pannerone è un formaggio della tradizione contadina lombarda.
Il nome, pannerone o panerone, deriva quasi certamente dal dialetto panera, panna o crema di latte.
 
 
Le sue origini risalgono al medioevo, la sua creazione si deve probabilmente alla fantasia e all'operosità dei monaci benedettini, che, tra le altre cose, insegnarono ai contadini l'arte della lavorazione di questo formaggio.
L'unicità di questo formaggio è che non subisce alcun processo di salagione e ha una lavorazione contraddistinta dall'uso di forti dosi di caglio e temperatura elevata.
Ha un aspetto molto chiaro, tanto da venir chiamato anche gorgonzola bianco, e piccoli alveoli dovuti all'azione dei lieviti.
Il sapore del pannerone è dolce e aromatico con una sfumatura amara dovuta alla presenza di caglio.
Si accompagna piacevolmente con del semplice pane casereccio oppure a sapori dolci come il miele, la marmellata, la mostarda o la frutta particolarmente dolce.
In cucina occupa un posto privilegiato nella preparazione di svariati risotti tradizionali.
 
(Testo tratto da: Saporetipico.it)
 

6 commenti:

  1. Mai provato il pannerone. Con il riso (e le pere)deve essere molto buono.

    RispondiElimina
  2. Bello e interessante il contrasto di questo piatto :)

    RispondiElimina
  3. però!!!bella ricetta mi piace,complimenti....

    RispondiElimina
  4. Grazie per essere passata da me e grazie per la fantastica ricetta. Adoro il riso.
    Un abbraccio e Buona Pasqua.
    Sara

    RispondiElimina
  5. E' un piatto tipico della terra lodigiana, non so neanche se lo si trova fuori da questa zona.

    RispondiElimina
  6. Ciao grazie della visita che contraccambio molto volentieri.
    Per fortuna ho già cenato .... altrimenti che acquolina mi sarebbe venuta a vedere questi piatti succulenti.
    Proverò domani questo risotto con un formaggio trentino che speso assomigli
    Un abbraccio e una Serena Pasqua
    Cristina

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...