giovedì 26 novembre 2015

Risotto alla zucca con filetti di pancetta croccante

Il risotto alla zucca è un piatto tradizionale dell'Italia settentrionale. Uno dei tanti piatti una volta considerati "poveri" ma che gode di una recente riscoperta, anche grazie al limitato valore calorico (18 Kcal per 100 grammi).
 
riso alla zucca  
 
Una curiosità, la zucca è stata importata in Europa dai coloni spagnoli dall'America.
Viene comunemente usata nella cucina di diverse culture; oltre alla polpa di zucca, se ne mangiano anche i semi, opportunamente salati.
 
riso e zucca
 
La zucca è un ortaggio che si presta alla preparazione di moltissime ricette: cucinata al forno, al vapore, nel risotto o nelle minestre, fritta nella pastella.
Per piatti dolci e salati.
 
riso e zucca
 
 
Per 4 persone:
- per la quantità di riso regolarsi in base alle proprie abitudini
  (io ne ho utilizzato 350 gr)

- 1 lt di brodo vegetale (carota, sedano, cipolla)
- 400 gr di zucca pulita
- mezza cipolla bianca
- mezzo bicchiere di vino bianco secco
- sale e pepe
- burro
- 30 gr circa di formaggio grattugiato 
- 40 gr di filetti di pancetta dolce
- olio e.v.o.
 
Pulire la zucca togliendo la buccia e i filamenti interni, tagliarla a dadini quindi farla cuocere non più di 10 minuti nel brodo.
 
 
Nel frattempo in un tegame (io uso quello in terracotta) fare soffriggere la cipolla finemente tritata in una grossa noce di burro dopodiché unire il riso e farlo tostare un minuto.
Sfumare con il vino bianco e lasciare evaporare.
Ora versare un mestolo di brodo. Quando il riso lo avrà quasi completamente assorbito, aggiungerne un altro e proseguire così.
Regolare di sale.
A metà cottura, con una schiumarola, prelevare la zucca dal brodo e aggiungerla al riso amalgamando il tutto.
Nel frattempo in un pentolino piccolo scaldare 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva e farvi dorare i filetti di pancetta dolce (senza esagerare altrimenti diventano duri). 

 
A cottura ultimata (il chicco di riso deve rimanere leggermente al dente), spegnere il fuoco e aggiungere poco burro e il formaggio grattugiato, mescolare velocemente e lasciare riposare 2 minuti.
Servire nei piatti con una macinata di pepe e i filetti di pancetta (senza olio).

Consiglio: il risotto va mescolato il meno possibile per evitare la rottura dei chicchi di riso e va utilizzato un cucchiaio di legno, meglio se con il buco in mezzo. 

Questo gustoso piatto l'ho accompagnato ad un eccellente rosso del Trentino Alto Adige: un Teroldego Petramontis prodotto dall'Azienda vitivinicola Villa Corniole.

 

4 commenti:

  1. Questo è un piatto che piace a tutta la mia famiglia e così presentato è ancora più invitante. Grazie della condivisione.
    Arabella da Torino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arabella, effettivamente questo primo piatto è delicato e veramente gustoso al tempo stesso ed è impossibile non amarlo... Come dico io, un piatto che scalda stomaco e cuore.
      Ti ringrazio per essere passata sul mio blog e per avere lasciato il tuo commento.
      Una buona giornata, Lorena

      Elimina
  2. Meraviglioso questo risotto, se poi è accompagnato da un buon vinello rosso ..
    Buona serata.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, effettivamente cosa si può volere di più? E' stato graditissimo...
      Un buon fine settimana, Lorena

      Elimina

Vi ringrazio di aver visitato Briciole di sapori e spero verrete ancora a trovarmi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...