martedì 8 dicembre 2015

Finocchi sottili con arance all'Aceto balsamico tradizionale di Modena D.O.P... Un aiuto per combattere a tavola le influenze

Presa con gli addobbi di Natale in giardino, al mio fianco come supervisori ho sempre avuto le mie due gatte gatte... più uno. 
Questo "uno" è un micione apparso dal nulla l'inverno scorso. Spaventato, smarrito, spelacchiato, denutrito e con le orecchie quasi inesistenti e tutte accartocciate, risultato di passate lotte.
Si vede che, nonostante come sia conciato, è un gatto abituato alla casa. E' un patatone affettuoso e socievole.
Voglio pensare che si sia perso e che non sia invece stato abbandonato da qualche disgraziato. 
Dopo giorni che vagava senza meta, gli abbiamo preparato uno scatolone con dentro un cuscino e delle coperte e lo abbiamo nutrito e curato.
Il risultato è che oramai ha preso il nostro giardino per casa sua e di giorno spesso è in perlustrazione del circondario ma poi torna sempre da noi. 
In tema con le sue orecchie distrutte, lo abbiamo chiamato Squartus (a fondo pagina vi allego una sua fotografia... chissà mai che qualcuno voglia adottarlo, in tal caso basta contattarmi).
Dopo aver preso freddo stando tanto all'aperto per le decorazioni, per scongiurare il pericolo di un raffreddamento ho preparato un'insalata ricca di vitamine.
Dal gusto delicato e aromatico, ottima come accompagnamento a semplici fettine di pollo o tacchino alla griglia.
  
aceto balsamico

aceto balsamico



Per 4 persone:
- 3 finocchi non troppo grossi
- 2 arance

- aceto balsamico
- sale e pepe
- olio e.v.o.

Lavare i finocchi, tagliarli a metà e affettarli molto sottilmente, possibilmente utilizzando la mandolina.
Sbucciare le arance togliendo il più possibile la parte bianca, tagliarle a metà e affettarle sottilmente.

 
Mettere i finocchi e le arance in una capiente insalatiera. Condire con sale, una leggera macinata di pepe e irrorare con olio extra vergine di oliva.
Mescolare delicatamente per non rompere le fettine di arancia.
Servire e insaporire con alcune gocce di aceto balsamico.
 
Per dare una nota particolare a questa ricetta delicata, ho utilizzato l'Aceto balsamico tradizionale di Modena D.O.P., invecchiato almeno 12 anni,  prodotto dall'Acetaia del Cristo.
  

* * *
Ecco qui il micione: Squartus
 
 
Questa mia ricetta è stata pubblicata su:
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Vi ringrazio di aver visitato Briciole di sapori e spero verrete ancora a trovarmi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...