Translate

domenica 29 giugno 2014

La pasta fatta in casa: i Pici toscani. Gesti che si tramandano da generazioni

Eccomi qua amiche. Come promesso nel precedente post che ho dedicato a Fiorella e alla figlia Venere che gestiscono una Locanda tipica toscana a San Quirico d'Orcia (Siena), oggi vi voglio far vedere una cosa che sinceramente mi ha lasciata senza parole.
Facciamo un passo indietro... Qualche settimana fa sono stata in vacanza in Toscana e ho conosciuto Venere andando a mangiare nella sua Locanda e una sera le ho chiesto se aveva piacere di farmi vedere come faceva i Pici (tipica pasta toscana) perché avrei voluto fare un post in merito sul mio blog.
Mi ha detto di presentarmi l'indomani in mattinata che mi avrebbe accontentata.
All'ora prestabilita mi sono recata alla Locanda e, all'ingresso, mi ha fatto trovare un piano lavoro con sopra, in maniera molto ordinata, tutto l'occorrente per la preparazione dei Pici.
Mi sembrava l'ambientazione di un programma televisivo di cucina tanto era ben organizzato.
Venere mi ha detto che mi avrebbe fatto vedere la preparazione della pasta per 4 persone e mi aveva anche già preparato sul tavolo la ricetta scritta di suo pugno (notare bene sul fondo del foglietto il tempo di preparazione dei Pici: 15 minuti)...


Gli ingredienti:
- 500 gr di farina di grano tenero tipo "0"
- 250 ml di acqua
- un uovo piccolino


Si comincia mettendo tutti gli ingredienti in una capiente ciotola e si mescola con una forchetta fino ad amalgamare il composto dopodichè toglierlo dalla ciotola e lavorarlo bene con le mani formando una palla che andrà avvolta in carta trasparente e lasciata in frigorifero a riposare per un un minimo di due ore fino a 15 ore.



Ovviamente Venere aveva già un altro pezzo di pasta, preparata in precedenza, che aveva riposato in frigorifero il giusto tempo.
Messa sull'asse di legno l'ha leggermente schiacciata con le mani quindi ne ha tagliato un pezzo che ha appiattito con le dita tirandola poi con il mattarello ad uno spessore non molto sottile.


Con una rotella ha praticato in un attimo dei tagli, di una precisione impressionante, che poi è andata ad allargare.


A questo punto i Pici hanno cominciano a prendere forma.
In questo brevissimo video vi mostrerò l'assoluta naturalezza e la padronanza dei gesti di Venere, frutto di  esperienza e di insegnamenti che si tramandano da generazioni.

 

Praticamente ha preparato i Pici fatti in casa, per 4 persone, nello stesso tempo che ci metto io a buttare la pasta secca acquistata al supermercato...



Questi sono altri tipi di pasta fatta in casa che vengono proposti alla Locanda.
Venere... quando vengo in Toscana il prossimo anno mi devi insegnare a farli!


Questa mio servizio è stato pubblicato su:


10 commenti:

  1. Che bellissima esperienza Lorena O_O queste sono proprio le cose che scaldano il cuore, complimenti ad entrambe ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Consu, più che scaldare il cuore... riempiono la pancia!
      Venere è stata davvero carinissima ma il prossimo anno dovrà sudare 7 camicie per insegnarmi a farli.
      Un abbraccio e buona settimana, Lorena

      Elimina
  2. Cara Lorena, i pici sono il mio menu fisso quando vado in Toscana e sono stati il motivo che mi ha spinto a partecipare all'MTChallenge. Li propose Patty del blog Andante con gusto come ricetta della sfida di gennaio 2013; è stata la mia prima pasta fatta in casa e per me fu un'esperienza meravigliosa, anche se non scevra di inconvenienti! Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita Andrea, come prima volta di pasta fatta in casa ti sei scelto una pasta "tosta". Comunque hai ragione, i Pici sono proprio buonissimi. Nonostante siano grossi, assorbono benissimo i condimenti.
      Ti auguro una buonissima settimana e chissà, che un giorno, non si riesca ad incontrarsi a San Quirico!
      Ciao, Lorena

      Elimina
  3. Ciao Lorena, che bello aver visto questo post! Una lezione di cucina di altissimo livello. La conserverò gelosamente. Grazie!
    Giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna, che gentile! Purtroppo questi complimenti non sono per me ma non mancherò di girarli a Venere, se li merita tutti.
      Un saluto, Lorena

      Elimina
  4. Grazie per l'attenzione che hai per la mia amata Toscana, mi piacciono molto i post che hai fatto.
    Luana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero gentile Luana, non faccio fatica a fare dei post su una regione che ho appena scoperto e mi è davvero piaciuta molto.
      Prossimamente ne pubblicherò altri sempre sulla Toscana... Ti aspetto ancora!
      Ciao, Lorena

      Elimina
  5. Ciao, sono arrivata qui per caso, attirata dai pici e dalla pasta fatta in casa, che adoro e faccio spesso anch'io.
    Complimenti, davvero!
    Mi unisco ai tuoi follower e lettori fissi con piacere.
    Se hai voglia di venirmi a trovare, mi trovi su profumodibroccoli.blogspot.it

    Buona serata!
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana, purtroppo i complimenti non sono per me ma per Venere che ha preparato questa buonissima pasta.
      Detto questo, vengo subito a trovarti...
      Ciao, Lorena

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...