Translate

mercoledì 2 dicembre 2015

Il mercato nel Campo, la tradizione delle eccellenze senesi. 5 e 6 dicembre 2015 a Siena


In una delle piazze che il mondo ci invidia, sabato 5 e domenica 6 dicembre 2015 
torna il tradizionale appuntamento invernale con i migliori prodotti dell'enogastronomia e dell'artigianato.
A Siena rivive il Mercato nel Campo: due giorni sospesi nel tempo per gustare i sapori di ieri e di oggi.

Visita il sito: www.comune/sienagenda.it

Siena si prepara a vivere tutta la magia delle feste ospitando lo storico Mercato nel Campo. L’appuntamento con il “Mercato Grande”, che quest’anno è dedicato a “Siena, città capitale italiana della cultura”, torna nella sua tradizionale veste invernale.
Due giorni per rivivere l’atmosfera dello storico “Mercato Grande”, che si svolgeva una volta a settimana nella Siena del XIII secolo, con l’esposizione dei prodotti tipici dell'agricoltura, dell'artigianato e della manifattura.
Oltre centocinquanta banchi, allestiti nella suggestiva conchiglia del Campo di Siena, metteranno in mostra i migliori prodotti dell'enogastronomia e dell'artigianato per dare vita a un appuntamento unico, sulle tracce di quanto avveniva nel Medioevo.
Nei due giorni di Mercato, Siena ospiterà anche un ricco cartellone di eventi dedicati al gusto con laboratori, cooking show, attività per bambini, musica, teatro e letteratura.
Il Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico, in Piazza del Campo, accoglierà“Vinarte” per farsi tentare dai punti degustazione allestiti nella lounge area con le migliori eccellenze vinicole delle Terre di Siena.
Non mancherà l’allegria e l’arte grazie alle improvvisazioni teatrali in stile medievale e giullaresco di Aresteatro con Francesco Burroni.
Spazio, infine, al “Mercato delle Idee”: il salotto letterario con mostra mercato di libri con ospiti volumi e autori dalle cinque città che hanno condiviso con Siena il titolo di capitali italiane della cultura 2015: Cagliari, Lecce, Perugia-Assisi e Ravenna. 

In mostra le eccellenze del Made in Italy: curiosando tra i banchi del Mercato, i visitatori potranno trovare e gustar dai salumi alla pasta fresca; dai formaggi all'olio; dal miele allo zafferano; dai dolci tipici, come i ricciarelli, i cavallucci e il panforte al cioccolato, fino alle mandorle, alle erbe aromatiche, alla frutta e alla verdura di stagione.
Per gli amanti dell'arte e dell'antiquariato, il Mercato propone, tra l'altro, oggetti esclusivi, come i libri e i disegni sull'arte e la storia locale, i manufatti di cartotecnica, oggettistica in vetro fusione, complementi in ferro battuto, bigiotteria in pietre dure e argento e ceramiche artistiche dipinte a mano.
Tra i banchi non mancheranno, in vista delle Feste, articoli da regalo, per il presepe e per i decori natalizi. Per chi è a caccia di regali originali, il mercato ospita i migliori manufatti realizzati da artigiani provenienti da tutta Italia e i più golosi potranno assaggiare i migliori prodotti della tradizione culinaria del nostro Paese.
Un vero e proprio tuffo nel medioevo che porterà turisti e cittadini a osservare dal vivo le lavorazioni a mano, curate dagli artigiani presenti in Piazza del Campo, impegnati nella rilegatura dei libri, nella lavorazione della lana, nella tessitura con gli antichi telai e nel restauro di mobili.

A tutto gusto con i laboratori tematici e cooking show: spazio anche all’approfondimento dei sapori con i laboratori tematici e le esibizioni ai fornelli degli chef, con la collaborazione dell'Istituto alberghiero Artusi di Chianciano Terme che porterà i suoi studenti in Piazza del Campo per misurarsi con l’arte della cucina e dell’intrattenimento degli ospiti.
Si parte sabato 5 dicembre dalle ore 15 per scoprire tutti i segreti delle erbe aromatiche delle Terre di Siena. Sempre parlando di sapori toscani e sempre alle ore 15, Stefano Franceschini dell'Ape Contadina di Chiusi racconterà la storia dell'aglione della Chiana: un aglio gigante dal caratteristico aroma privo di alliina e dei suoi derivati, che viene coltivato in Val di Chiana.
Regina indiscussa del focus di domenica 6 dicembre sarà la carne che verrà raccontata da Catem, l’Associazione Macellai, in compagnia di una nutrizionista che affronterà il tema dei valori nutrizionali di una delle eccellenze del nostro territorio.
Dalle parole si passerà ai fatti in compagnia dei cooking show, degli chef Michele Vitale e Maria Luisa Lovari che scalderanno i palati dei presenti sabato 5 dicembre dalle ore 18. Gran finale domenica 6 dicembre in compagnia dei piatti di Ettore Silvestri e di Nico Atrigna.
Tutti i laboratori e i cooking show, saranno presentati dalla giornalista Annamaria Tossani. L’invito al gusto arriva anche dai ristoranti della città, che per l’occasione del Mercato, offriranno menù dedicati ai sapori toscani per apprezzare le eccellenze enogastronomiche delle Terre di Siena.

Vinarte, il salotto del gusto sotto la Torre del mangia: il gusto sarà protagonista anche all’interno del Cortile del Podestà, dove dalle ore 10 e fino alle ore 22, si apriranno le porte di Vinarte: un vero e proprio “salotto del gusto” dedicato alle eccellenze vinicole del Bel Paese.
Per l’occasione sarà possibile assaggiare i migliori calici esposti nei punti assaggio presenti all’interno del Cortile dotandosi del proprio calice personale e di un carnet di assaggio.
Il viaggio nei sapori sarà accompagnato da una speciale degustazione curata dal salumificio Toscano Piacenti. Un tuffo nei sapori toscani che sarà guidato dai maestri tagliatori dell’azienda toscana, che proporranno le preziose ricette della tradizione, a partire dall’esclusiva linea di salumi realizzati con materie prime e lavorazioni a km0: dalle carni allo zafferano, ai salumi aromatizzati alle erbe.
L’arte della buona tavola sarà impreziosita dalle note della Fondazione Siena Jazz. Nei due giorni del Mercato nel Campo, il Cortile del Podestà sarà il palcoscenico d’eccezione per le esibizioni dei grandi classici del jazz eseguiti dai Maestri e dai giovani talenti della fondazione senese.

Il “Mercato Grande”, curiosità tra i banchi di allora: il “Mercato Grande” che si svolgeva una volta a settimana nella Siena del XIII secolo, accoglieva moltissimi venditori. La “regina” del mercato era la treccola, ovvero la rivenditrice di verdura, ortaggi, legumi, ma anche di prodotti di derivazione animale come latte, uova e formaggio. Tanti erano anche i carnaioli che offrivano le loro carni macellate e la selvaggina; rilevante era il ruolo dei pizzicatoli, che vendevano dai salumi alle spezie. Molto numerosi erano gli agricoltori che portavano i prodotti dell’orto e delle raccolte stagionali. Tra gli artigiani presenti anche i cuoiai, i calzolai, i venditori di stoffe, i coppai, i cestaioli e i barlettai, venditori di botti e barili. Nella rievocazione contemporanea alle figure storiche si aggiungeranno pasticceri, produttori di vino, miele, zafferano, orafi e rilegatori raggruppati fedelmente nella conchiglia di Piazza secondo le regole di sistemazione che rispettano le tipologie di prodotto e gli spazi del mercato così come avveniva nel Medioevo.

4 commenti:

  1. Che bellezza questo evento, e poi la città di Siena è stupenda!
    quanto mi piacerebbe esserci...peccato per la distanza !
    baci
    Romina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Romina, a chi lo dici... io amo la Toscana tutta e vorrei poter partecipare ad ogni evento ma la distanza...
      Mi consolo ospitando gli eventi qui sul blog.
      Una buona giornata, Lorena

      Elimina
  2. Direi che vorrei proprio essere lì....
    Ciao cara Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici Tiziana... Io in Toscana percepisco una magia che non trovo in nessun altro posto.
      Mi accontento di andarci due volte all'anno, ma non mi basta mai.
      Un abbraccio, Lorena

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...