Translate

martedì 21 novembre 2017

Minestra di farro con cavolo nero, fagioli cannellini, patata e olio nuovo toscano

Ricordo che quando ero giovane, pur essendo magrissima, mangiavo in maniera davvero esagerata. Avevo sempre fame, in qualsiasi momento della giornata. Ero arrivata al punto di non sopportare più di sentirmi ripetere la solita tiritera da tutti quelli che mi vedevano a tavola: "Ma com'è che sei così magra e mangi come un camionista?"
I primi piatti erano la mia passione, tutto ciò che era pasta al sugo mi rendeva felice.
Essendo allora ancora in casa con i miei genitori, capitava a volte di tornare dal giro con le amiche per l'ora di cena, affamatissima, pensando di trovare "le cose grosse" - così chiamavo i piatti di pasta - invece, come un pugno nello stomaco, mia mamma di dava la triste notizia che aveva preparato il minestrone. La mia serata era così rovinata! Mi veniva una luna... cominciavo a brontolare dicendo che io non me ne facevo niente di quella brodaglia e che se si ha fame non ci si sazia con cose liquide e che le minestre erano "roba" da ammalati o da anziani all'ospizio.
Ricordo ancora come fosse adesso lo sguardo dispiaciuto di mia mamma nel sentirmi così contrariata ma d'altronde ogni tanto doveva pur preparare delle minestre.
Oggi invece, a distanza di parecchi anni e fortunatamente con qualche chilo in più, le minestre sono diventate la mia passione. In tutti i modi e con qualsiasi ingrediente.
Calde, buone, nutrienti, salutari. Come li chiamo io, i cibi che scaldano il cuore.
E poi, mi sono resa conto di quanto avevo torto; provate a mangiare una bella scodella di questa minestra e ditemi se non vi sentite sazi!
Ah cara mamma, quanta pazienza hai avuto con me...

cavolo nero ricette

ribollita toscana

minestra toscana



Per 4 persone:
- 350 gr di farro
- carota, sedano e cipolla per il soffritto (io ho utilizzato il mio utilissimo preparato per soffritti congelato)
- 1 mazzo di cavolo nero (circa 500 gr)
- 400 gr di fagioli cannellini lessati (io ho utilizzato quelli in lattina)
- 1 patata
- 1 dado
- peperoncino a piacere
- olio e.v.o.

Togliere la costa dura centrale del cavolo nero (come indicato nel mio video a fondo pagina) dopodiché lavare accuratamente le foglie e tagliarle a pezzi.
Pelare la patata e tagliarla a fette sottili.
Pulire la carota, il sedano e la cipolla e farne un trito (io utilizzo una dose del mio comodissimo preparato di verdure per soffritti).
In un capiente tegame, preferibilmente in terracotta, versare dell'olio extra vergine di oliva e aggiungere il trito di verdure e fare rosolare.
Aggiungere il cavolo nero, la patata e circa un litro di acqua calda. Mescolare e lasciare cuocere a fuoco medio, con il coperchio leggermente scostato, per circa 20 minuti.
A questo punto aggiungere il farro, il dado e il peperoncino. Mescolare e lasciare cuocere il tempo necessario indicato sulla confezione del farro.
Circa 10 minuti prima del termine della cottura, aggiungere i fagioli cannellini.
Servire la minestra ben calda con un filo di olio extra vergine di oliva a crudo e, a piacere, formaggio grattugiato.

Come sempre, da anni, utilizzo un eccellente olio extra vergine di oliva prodotto sulle colline fiorentine dall'Azienda agricola Talente e su questa minestra ho utilizzato l'olio nuovo appena franto.
Una meraviglia...


9 commenti:

  1. Quando finalmente il cavolo nero è arrivato a Trieste non faccio mai a meno almeno un paio di volte. Sia sulla bruschetta che come minestrone la ribollita che piace moltissimo ma anche questa zuppa è favolosa. Preso nota e buona serata, bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonissime le bruschette con il cavolo nero. A tutta Toscana...
      Buona giornata cara.
      Lorena

      Elimina
  2. Qui in Sicilia è raro trovarlo ma appena me ne capiterà l'occasione non farò a meno di provarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che peccato Gufetta. Che strano però, oramai arriva cibo da tutto il mondo e poi non interscambiamo i cibi regionali del nostro paese...
      Un saluto e grazie, Lorena

      Elimina
  3. ..anch'io da ragazza non amavo le "brodaglie" ma da adulta sono diventate la mie passione :-) soprattutto quando inizia il fresco ^_^ la tua proposta sarebbe stata perfetta x la mia cena di stasera :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, maturando si impara ad apprezzare cose che in gioventù si disprezzavano. Devo dre che ho imparato ad apprezzare ancora di più queste minestre andando in Toscana che, come ben tu sai, ne propone di buonissime.
      Un caro saluto, Lore

      Elimina
  4. Dearest Lorena,
    LOVED hearing your voice in the video and this kind of soup is perfect for the colder days.
    Smart lady the way you manage to strip the kale leaves!
    Delicious soup also.
    Believe it or not, I always keep Farro - guess having lived and worked for 1 year in Italy has changed me.
    Hugs,
    Mariette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Mariette, che gentile. Questo è il modo più veloce per pulire questa verdura a me tanto cara.
      Fai bene a continuare a mangiare il farro che fa benissimo.
      Ti auguro una felice domenica, Lorena

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...