lunedì 6 maggio 2013

Coniglio alla lavanda e olive taggiasche

La prima volta che ho visto cucinare, da un'amica di mia mamma, il riso con le fragole mi sono stupita e, ancora prima di assaggiarlo, mi sono detta che non mi sarebbe piaciuto perché per me le fragole potevano solo essere abbinate ai dolci.
Ma, per fortuna, io voglio assaggiare tutto ciò che è commestibile anche se anticipatamente credo che non mi piacerà.
Infatti ho fatto bene perché il risotto con le fragole è diventato uno dei miei piatti preferiti (lo potete trovare tra le mie ricette).
Questo mi ha insegnato a non escludere nulla, anche se ritengo bizzarri alcuni ingredienti ed abbinamenti...
Anche questo piatto l'ho trovato molto diverso dai soliti gusti ai quali sono abituata ma mi è piaciuto. Mi è piaciuto sentire il sapore morbido che ha preso il coniglio con la particolare marinatura e il contrasto con la delicatezza della lavanda e il sapore deciso delle olive taggiasche.
Da provare.
 
  
 
Per 4 persone:
- 1 coniglio di circa 1,4 kg a pezzi
- 500 ml di vino bianco secco
- 1 cucchiaio di fiori di lavanda biologica
- 1 rametto di timo
- 3 spicchi di aglio
- 2 cucchiai di olive taggiasche denocciolate
- 1 dado
- olio e.v.o.
- sale e pepe
 
In un contenitore capiente versare il vino bianco, i fiori di lavanda, l'aglio, il timo e il pepe. Sistemare nella marinatura i pezzi di coniglio, rigirandolo da una parte e dall'altra, dopodiché lasciare in luogo fresco per una notte. 
 
 
Trascorso questo tempo, fare scaldare l'olio extra vergine di oliva in una larga casseruola (possibilmente in terracotta).
Posizionare nella casseruola tutti i pezzi di coniglio e fare dorare, da entrambe le parti, per circa una decina di minuti.
A questo punto aggiungere il dado e due mestoli del liquido della marinatura filtrato.
Proseguire con la cottura a fuoco medio con il coperchio leggermente scostato, aggiungendo quando serve ancora liquido.
Poco prima di togliere dal fuoco, aggiungere le olive taggiasche denocciolate.
In tutto, la cottura deve durare circa 45 minuti.
 
 
Ideale contorno a questo secondo sono le piccole patatine novelle al forno.
 
 
Ringrazio Villa Poggio Salvi  per avermi dato la possibilità di poter apprezzare questo ottimo vino, Tosco - IGT  Toscana Sangiovese Grosso, che ben si sposa con le carni bianche, quindi direi perfetto per questo piatto.
 

2 commenti:

  1. Ho cucinato il coniglio tantissime volte, ma alla lavanda mi manca e mi hai incuriosito parecchio!

    RispondiElimina
  2. Sei proprio brava Lorena! Complimenti!

    RispondiElimina

Vi ringrazio di aver visitato Briciole di sapori e spero verrete ancora a trovarmi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...