Translate

giovedì 11 febbraio 2016

Cima di rapa con uvette, pinoli e granella di nocciole. Un contorno che si fa notare...

Questo che sto vivendo è uno di quei periodi che più detesto... Quei periodi transitori che non sei né di qua né di là e che comunque non vorresti essere in nessuno dei due posti.
Io amo tantissimo i cambiamenti e sono convinta diano brio alla vita, sai che monotonia sennò! Però non ne avevo voglia ora o meglio, avevo proprio voglia di un cambiamento ma non di questo.
Che confusione... vi starete chiedendo se sono impazzita. No, è solo che dall'oggi al domani mi hanno detto che dovrò cambiare la sede di lavoro, anche se di pochissimi chilometri, e ricominciare tutto.
Avrei anche fatto ben volentieri un cambiamento ma speravo di farlo per spostarmi nella mia amata e tanto desiderata Toscana. Allora si che avrei fatto salti di gioia!
Attendiamo, attendiamo ancora. Io sono fiduciosa perché lo desidero più di ogni altra cosa al mondo e so che così sarà e, nel frattempo, sto sempre più stringendo contatti con quella magnifica regione.
E per consolarmi faccio qualcosa che mi piace tanto: cucinare. 
Oggi vi consiglio questo piatto di sicuro benefico effetto, ottimo come contorno oppure come primo piatto unito ad una buona pasta e una abbondante grattugiata di pecorino.
A voi la scelta...

ricette con cima di rapa

ricette di contorni


Per 4 persone:
- 1 kg di cima di rapa
- 3 acciughe
- 1 cucchiaino scarso di curcuma
- 1 cucchiaio di pinoli
- 2 cucchiai di uva passa
- 3 cucchiai di nocciole sgusciate
- 1 spicchio di aglio
- peperoncino
- sale
- olio e.v.o.

Mettere l'uva passa in ammollo in una ciotola con acqua tiepida e curcuma per almeno 15 minuti.
Tritare le nocciole fino a ridurle in granella.

ricette con le nocciole

Lavare la cima di rapa ed eliminare il gambo più duro delle foglie quindi lessare in abbondante acqua, leggermente salata, per non più di cinque minuti (la cima di rapa non deve risultare troppo molle).
Nel frattempo in una larga padella fare dorare in olio extra vergine di oliva lo spicchio di aglio e i pinoli dopodiché aggiungere il peperoncino spezzettato e farvi sciogliere le acciughe.
Con una schiumarola prelevare la cima di rapa e versarla nella padella, aggiungere l'uva passa sgocciolata (tenendo a parte l'acqua e curcuma), la granella di nocciole e regolare di sale.
Mescolare bene e lasciare cuocere a fuoco vivo per qualche minuto e, se necessario, aggiungere un goccio di acqua e curcuma.
Servire calda irrorando con un buon olio extra vergine di oliva a crudo e del buon pane casereccio (magari fatto in casa).

E da anni a casa mia quando si parla di buon olio extra vergine di oliva - e di olive di provenienza certa - si parla di Toscana.
Immancabile sulla mia tavola l'olio Cassiano D.O.P. prodotto nella magnifica zona del Chianti dall'Azienda agricola Talente.


6 commenti:

  1. Mi piace l'idea di aggiungere la curcuma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si effettivamente da quel qualcosa di diverso... Un abbraccio e buon fine settimana, Lorena

      Elimina
  2. Vedrai che andrà tutto bene, 6 una donna dalle mille risorse e dalla forte personalità quindi non potrà che essere un successo ^_^ Io ti faccio i miei + sinceri in bocca al lupo e aspetto l'invito a cena ^_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara Consu, ma purtroppo devo aspettare ancora per la mia Toscana ma quando sarà certo sarai tra gli invitati.
      Un grosso abbraccio e buon fine settimana, Lorena

      Elimina
  3. buoni, anche io li faccio così :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Anche io la adoro in tutti i modi di preparazione.
      Ti auguro un buonissimo fine settimana, Lorena

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...